Cinque partite alla fine, cinque finali. Ora più che mai, avanti tutta e #forzabassano

0

BASSANO NUOVAMENTE IN TESTA. ADESSO COME MAI PRIMA D’ORA AVANTI TUTTA

Il Novara pareggia 0-0 contro l’Albinoleffe e non riesce ad andare oltre i 64 punti, stessa quota del Bassano Virtus con il quale condivide ora la vetta della classifica. A cinque giornate dalla fine e con un solo posto per la promozione diretta, la situazione è più che mai incerta. Bassano e Novara guidano a 64 punti, Alessandria 62, Pavia 60, Como 54, Feralpisalò 49, poi tutte le altre. Quali gli scenari futuri?

Fondamentale per il Bassano vincerle tutte. La cosa però potrebbe non bastare perchè in fatto di scontri diretti, il Novara è davanti avendo pareggiato 1-1 all’andata e vinto 2-1 al ritorno. In caso di arrivo a pari punti quindi, in serie B salirebbe il Novara.

Sui piemontesi però incombe un’incognita che verrà sciolta solo il 10 aprile, giorno in cui è fissata l’udienza che potrebbe portare all’assegnazione di uno o più punti di penalità; i capi di imputazione per il club di viale Kennedy sono i seguenti: non aver documentato l’avvenuto pagamento di emolumenti e ritenute Irpef relativi ai mesi di maggio e giugno 2014; non aver documentato l’avvenuto pagamento di emolumenti e ritenute Irpef relativi ai mesi di luglio e agosto 2014; aver presentato lo scorso 16 ottobre una dichiarazione attestante circostanze e dati contabili non veridici; non aver documentato l’avvenuto versamento delle ritenute Irpef relative ai mesi di novembre e dicembre 2014.

“Chi vive sperando…” e questo il Bassano Virtus lo sa. Ecco perchè l’imperativo del “vincerle tutte” o del, quantomeno, fare un punto in più delle altre rimane alla base del finale di stagione giallorosso. Diamo un’occhiata allora ai calendari che attendono Bassano Virtus e Novara:

BASSANO: Bassano Virtus-Unione Venezia, Real Vicenza-Bassano Virtus, Bassano Virtus-Renate, Monza-Bassano Virtus, Bassano Virtus-FeralpiSalò.

Venezia a caccia di punti per evitare gli spareggi retrocessione, Vicenza difficilmente ancora in corsa per i playoff promozione, Renate che non può sbagliare altrimenti rischia i playout, Monza in zona retrocessione con FeralpiSalò ai margini dell’alta classifica.

NOVARA: Mantova-Novara, Novara-Giana, Pordenone-Novara, Novara-Arezzo, Lumezzane-Novara.

Mantova costretta a vincere per non farsi invischiare nella zona retrocessione, Giana idem, Pordenone che non può cedere il penultimo posto, l’ultimo prima di diventare fanalino di coda e quindi automaticamente retrocesso. Arezzo relativamente tranquillo, Lumezzane a caccia di punti salvezza.

CONCLUSIONE: le avversarie del Novara sembrano un tantino più “disperate” e quindi motivate a non mollare. Quelle del Bassano sono più quotate sulla carta ma, teoricamente, un attimino più serene. Situazioni comunque identiche.

SOLUZIONE: Facciamone il più possibile. Al Novara si guarderà a fine stagione. E che il Mercante sia sempre pieno. #forzabassano.