Luparense fuori ai rigori, Pescara in finale

0

PESCARA – LUPARENSE 4-3 (2-2 dopo i tempi regolamentari)

Alla Luparense non basta l’ottimo gioco messo in mostra nei 40 minuti regolamentari per accadere alla finalissima di Coppa Italia: a giocarsi il trofeo sarà invece il Pescara vincitore sui lupi solo dopo i calci di rigore. Decisivi gli errori dal dischetto (una sola rete, di Merlim, su 4 tentativi) che consentono al Pescara di raggiungere Asti nella finalissima di oggi.

Amareggiato, mister Fernandez per l’uscita dalla Coppa. “Sono molto soddisfatto della squadra che ha dato il cento per cento. Abbiamo meritato la vittoria nei 40 minuti ma siamo stati penalizzati dagli sbagli in contropiede, e sotto porta, dove dovevamo concludere segnando di più. La prestazione è stata meravigliosa e faccio i complimenti ai miei ragazzi”.
L’analisi di Fernandez prosegue: “Abbiamo dimostrato di giocare senza problemi pur gravati di 5 falli nel secondo tempo. Il problema principale è stato unicamente il fatto di non colpire in zona gol, ma abbiamo dimostrato di giocare ad un grande livello. Poi purtroppo ci sono stati i rigori: sono una lotteria e questa volta è andata male”.