Volti nuovi al Bassano Virtus: ecco Andrea Casarini e Manuel Spadafora

0

VOLTI NUOVI IN CASA BASSANO VIRTUS

Il Bassano Virtus ha presentato i suoi due nuovi acquisti, conosciamoli meglio:

Andrea Casarini, centrocampista classe ’94, che nella prima parte di stagione ha militato nel Savona collezionando 13 presenze in campionato. “Sono felice di essere approdato al Bassano Virtus, quando mi hanno comunicato della possibilità di venire qui non ho avuto dubbi, mi trovavo all’università ed avevo appena sostenuto un esame (frequenta la facoltà di Economia a Varese, ndr). Com’è andato? Bene, devo dire che è stata proprio una bella giornata (ride,ndr)”.

Casarini ha quindi parlato delle sue caratteristiche: “A Savona inizialmente con mister Di Napoli mi sono trovato bene, giocavo spesso, poi con il suo esonero ho trovato meno spazio. In passato ho giocato sia nel centrocampo a due, sia nel centrocampo a 3 come mezzala, mi piace inserirmi negli spazi. Prime impressioni? Il gruppo sembra molto unito e mister Asta mi ha ricordato molto mister Di Napoli, entrambi hanno un approccio diretto e parlano molto con i giocatori, ci ha subito spiegato la sua idea di gioco. Sono consapevole che in rosa ci sono molti giocatori di qualità, ma io cercherò di farmi trovare pronto quando verrò chiamato in causa”.

Manuel Spadafora è un attaccante classe ’94, che nella prima parte di stagione ha militato nel Savona scendendo in campo in 14 occasioni e siglando 4 reti.

“Avevo ricevuto altre offerte, poi quando mi hanno chiamato lunedì dicendomi che c’era la possibilità di approdare al Bassano, non ho avuto alcuna esitazione ed ho risposto <subito, dove=”” si=””>”Subito, dove si firma?”. Sono molto contento di essere arrivato qui, la società è seria e molto organizzata. Il gruppo oggi ci ha accolto benissimo, il clima che si respira  è molto bello. I compagni ci hanno messo a nostro agio, infatti in pausa pranzo siamo andati a casa di Cenetti a giocare alla Playstation, purtroppo poi sono il più giovane della squadra, quindi credo finirò spesso in mezzo nel torello (ride, ndr)”.

Spadafora ha poi parlato delle proprie qualità in campo: “Come caratteristiche punto sulla rapidità, sono un esterno d’attacco, ma ho giocato anche come prima o seconda punta. Mister Di Napoli mi considerava  il suo erede per il mio modo di stare in campo, diceva che ho ampi margini di miglioramento, poi con il cambio d’allenatore non sono stato quasi più schierato, nonostante fossi il secondo capocannoniere della squadra. Da quello che ho visto nel girone A c’è molta più qualità, sono giovane e cercherò di dimostrare il mio valore quando il mister mi chiamerà in causa. Per questa squadra parlano i risultati da soli, siamo secondi in classifica in un girone ostico, spero di poter dare il mio contributo”.

Si ringrazia per la collaborazione Sara Vivian – Ufficio Stampa Bassano Virtus