Asiago vincente contro Milano. A segno Stevan, Sullivan e Ulmer

0

CONTRO MILANO VINCE ASIAGO. DOMENICA ARRIVA IL RENON

Vittoria, tre punti e primato solitario per l’Asiago Hockey 1935 che, in un Odegar bello pieno, ha sconfitto di misura (3-2) il Milano Rossoblu. La concomitante vittoria del Rittner Buam nel derby con il Val Pusteria, consente agli stellati di staccare le due altoatesine –appaiate al secondo posto- e di portarsi in solitaria in vetta alla classifica del Master Round. Diventa interessantissima la partita casalinga di domenica 28 dicembre quando all’Odegar sarà il turno dei Campioni d’Italia in carica del Renon. Quella contro il Milano non è stata una bellissima partita dal punto di vista tecnico ma tirata e combattuta fino al sessantesimo. Le due formazioni si sono presentate al face-off d’inizio con parecchie defezioni nei rispettivi organici: nell’Asiago non ci sono Andrea e Michele Strazzabosco, Matteo Tessari, Pace e Olivero; il Milano sta ancor peggio viste le assenze di Vallorani, Veggiato, Gherardi e Piccinelli: solamente 14 i giocatori di movimento a disposizione di coach Pat Curcio. Primo tempo che inizia su ritmi non elevati e con le due squadre che si studiano per qualche minuto. Al 5’, l’Asiago rompe gli indugi e si porta in vantaggio con Stevan che raccoglie centralmente la respinta di Caffi: tiro di polso preciso che gonfia la rete meneghina. Al 9’, Caletti s’infila nella difesa di casa e si procura lo spazio e il tempo per prendere la mira e superare Marozzi, impattando il risultato. La reazione stellata è immediata: Sullivan, ben servito da DeVergilio dall’angolo, si propone con il tempo giusto e non sbaglia il disco del 2-1. Poi tre superiorità numeriche non sfruttate dai ragazzi di Parco che non riescono a pungere con l’uomo in più. Secondo tempo con parecchie chiamate arbitrali e con conseguente gioco molto spezzettato. Il Milano fallisce una lunghissima doppia superiorità numerica: clamoroso l’errore, praticamente a porta vuota, di Alexander Petrov che da mezzo metro non inquadra lo specchio spalancato della gabbia di Marozzi. Per il resto i ragazzi di Curcio si affidano a conclusioni dalla distanza, sempre troppo centrali per impensierire Marozzi che fa buona guardia. Al 30’, svarione della difesa meneghina che serve Ulmer che, indisturbato da posizione centrale e ravvicinata, buca Caffi con un polso preciso e teso. Nel terzo tempo un solo gol, quello di Migliore, che al termine di un batti e ribatti davanti a Marozzi, riesce a trovare la via del gol che riaccende interesse sulla sfida. L’Asiago fallisce il colpo del KO con Carnevale che, da un passo, sbaglia clamorosamente. Nel concitato finale Curcio toglie Caffi per il giocatore di movimento in più ma l’Asiago chiude bene gli spazi e porta a casa con merito i tre punti in palio. Domenica sera (sempre con inizio alle ore 20,30), sfida che promette scintille contro i campioni d’Italia del Renon.

Asiago Hockey 1935 – Milano Rossoblu                                    3-2
Parziali: 2-1; 1-0; 1-0.

Asiago: Marozzi (Tura); Sullivan, Mattivi, Miglioranzi, Casetti, Marchetti, Hotham, Munari; Tessari N., Borrelli, Presti, Stevan, Ulmer, Bentivoglio, DeVergilio, Benetti, Iori, Carnevale, Magnabosco All.: John Parco.

Milano: Caffi (Tesini); Murray, Re, Campanale, Lutz, Lo Russo; Colombo, Caletti, Terzago, Borghi, Folini, Petrov, Gron, Migliore, Leone. Coach: Pat Curcio.

Arbitri: Lottaroli e Marri. Linesmen: Stefenelli e Basso.

Marcatori: 5’44” Stevan (A), 9’12” Caletti (M), 10’18” Sullivan (A), 30’49” Ulmer (A), 51’07” Migliore (M).

Risultati della 24ª giornata di Serie A Itas Cup: Asiago-Milano 3-2, Rittner Buam-Val Pusteria 2-1, Valpellice-Gherdeina 7-3, Egna-Cortina 3-1, Appiano-Vipiteno 8-5, Fassa-Caldaro 5-4.

Master Round: Asiago 54, Val Pusteria e Rittner Buam 51, Valpellice 47, Milano 44, Gherdeina 36.

Playoff Round: Vipiteno e Cortina 32, Appiano 29, Egna 26, Fassa 20, Caldaro 10.

Comunicato Ufficiale Asiago Hockey –