Bassano Virtus, l’aperitivo domenicale si chiama Mantova

0

APERITIVO DOMENICALE CON BASSANO VIRTUS-MANTOVA. GIALLOROSSI PRONTI A TORNARE IN VETTA

“Non siamo più primi ma rimaniamo comunque ad un passo dalla vetta e cercheremo, senza affanno, di riprendercela. Momenti come questi comunque servono perchè è impensabile vivere un intero campionato a 110 all’ora. E quindi ben venga qualche cosa da aggiustare, permette di tornare ad innalzare la concentrazione e rimettersi in carreggiata.”

Niente drammi quindi in casa Bassano Virtus, parola di Antonino Asta che alla vigilia del match di domani alle 18 al Mercante, contro Mantova, fotografa la situazione della propria squadra: “Toninelli è squalificato, Bizzotto è rimasto due giorni fermo per una lieve influenza mentre Bortot è incappato in uno stiramento e ne avrà per una quindicina di giorni. Sulla base di queste assenze ho modellato la squadra che contro il Mantova vorrò vedere decisa e pronta ad ogni evenienza. 

A Busto, contro la Pro Patria, avevo chiesto ai miei di mettere in campo un’ottima fase difensiva. La cosa ci è riuscita solo in parte, nel primo tempo siamo scesi in campo con un atteggiamento troppo presuntuoso e questo ci ha impedito di vincere, fermandoci invece sul pareggio. Certi errori di posizione nelle retrovie e soprattutto il giocare con l’atteggiamento sbagliato sono cose che dobbiamo evitare a tutti i costi. Mantova è squadra solida e soprattutto in ripresa; li abbiamo affrontati due settimane fa in coppa ma domani sarà comunque tutta un’altra sfida: Caridi sta vivendo una seconda giovinezza ad esempio ma i giocatori di qualità, oltre a lui, non mancano.” In casa Mantova mancherà Said, già allenato dallo stesso Asta in passato: “Con me non giocava tantissimo ma quest’anno con i virgiliani stava facendo bene, quindi direi che la sua assenza per noi è positiva. Non dobbiamo però illuderci e ai ragazzi ho chiesto un pressing alto e un’intensità elevata fin da subito.”

Davì al posto di Cenetti dal primo minuto? “Possibile – dice Asta – ho tanti giocatori e la stagione è lunga e intensa. I cambi periodici sono inevitabili, voglio che tutti siano al 100% e credo che in questo modo il rendimento globale possa essere mantenuto ad altissimi livelli.”