Valpellice ok, Asiago ko; e sul ghiaccio il risultato è tennistico.

0

ASIAGO KO SUL GHIACCIO DEL VALPELLICE. PADRONI DI CASA ROBOANTI, FINISCE 6-0

Brutta serata per l’Asiago Hockey che dopo lo scoppiettante e vittorioso 4-3 con il Val Pusteria di giovedì incappa in una pesante sconfitta sul ghiaccio del Valpellice. Al termine dei tre periodi il risultato è di 6-0, con i leoni stellati dell’Altopiano che tornano ad Asiago leccandosi le ferite ma già si preparano alla sfida di martedì quando all’Odegar sarà nuovamente faccia a faccia con il Valpellice.

L’assenza di Michele Strazzabosco fermato dall’infortunio e ancora in fase di recupero si fa sentire con l’Asiago che pare non riuscire a trovare la giusta lucidità, soprattutto in fase difensiva, per resistere agli attacchi avversari. Ed è così che la prima rete dei padroni di casa arriva con il Valpellice in inferiorità numerica. Asiago non sfrutta i trenta secondi di doppio powerplay e al minuto 3.39 è Andrè Signoretti ad infilare la porta di Marozzi. E’lo stesso numero 27 della “Valpe” a raddoppiare al settimo e stavolta lo fa con un uomo di movimento in più sul ghiaccio e con l’Asiago in difficoltà ad arginare l’avanzata avversaria. A tre minuti dalla fine del primo periodo tocca invece a Jesse Tapio Urone a freddare Marozzi per il momentaneo 3-0.

La prima parte del secondo periodo regala un match in cui Asiago prova a fare qualcosina ma concretizza poco o nulla. Venti minuti durante i quali il Valpellice scaglia 14 dischi contro la porta avversaria contro i soli 7 tiri fatti dall’Asiago nel periodo centrale; ed è anche da questa statistica che si capisce come non sia strano che i gol dei padroni di casa passino a quattro. Il poker è firmato al minuto 13.40 da Paolo Nicolao assistito da Luca Frigo e da Urone con i giallorossi dell’Altopiano costretti ad alzare anzitempo bandiera bianca.

Il terzo e ultimo periodo è accademia Valpellice con l’Asiago ancora stordito dalle quattro segnature e desideroso di dimenticare in fretta quella che ha tutte le caratteristiche di una serata no; Valpellice comunque non si ferma con Scott Nicolas Campbell che in superiorità numerica mette dentro il 5-0 e Luca Frigo che a meno di tre minuti infila il tennistico 6-0 alle spalle di Marozzi. Martedì sarà già tempo di riscatto, di fronte al pubblico dell’Odegar, e con la ghiotta occasione di restituire al Valpellice lo stesso trattamento, sommando magari qualche interesse per appesantire ulteriormente la risposta.

Sugli altri campi Milano-Fassa 5-4, Appiano-Egna 5-3, Vipiteno-Val Pusteria 1-0, Rittner Buam-Caldaro 4-3, Gherdenia-Cortina 2-1.