PRIMI ALLENAMENTI PER IL BASKET BASSANO ORANGE 1

0

E’ iniziata con il tradizionale ritrovo al PalaAngarano la nuova stagione del Basket Bassano Orange1.
Agli ordini di coach Pippo Campagnolo, del suo staff formato dai vice Max Sonda e Nicola Zen, e sotto la guida del preparatore atletico Mirko Fasini, i rossogialli hanno svolto una sessione di un’ora e mezza di atletica, prima dei consueti tiri a canestro. Presenti i quattro nuovi acquisti Marco Vian, Alioune Guisse, Elia Prandini e Mattia Bonivento che si sono uniti ai senior confermati dalla scorsa stagione e i giovani provenienti dalla cantera bassanese.

Ecco le prime parole di coach Pippo Campagnolo in vista del campionato di DNC che aspetta la squadra il Basket Bassano Orange 1. “Sarà sicuramente una stagione difficile, la nuova formula che porta alle finali di interzona le prime quattro classificate ti permette pochissime possibilità di errore. Basta arrivare quinti e si è fuori, dovremo essere pronti fin dalla prima partita”. La squadra ha mantenuto basi solide ed aggiunto giovani di qualità. “Il roster è stato ringiovanito molto, passando dai 26,7 ai 24 anni di età. Avremo perso qualcosa in esperienza, ma abbiamo cercato di bilanciare la squadra inserendo un senior ed un giovane per ruolo. Abbiamo rinnovato abbastanza, soprattutto nel pacchetto esterni, dove ho giocatori diversi tra loro che mi daranno la possibilità di variare il mio gioco e i miei quintetti”. Inizio non facile di campionato. “Paitiamo con Spilimbergo, appena retrocessa dalla DNB, poi Oderzo, Mestre, San Vendemiano, Dobbiamo essere bravi a farci trovare subito pronti e non incappare in incidenti di percorso che potrebbero poi compromettere parte del campionato”. Di sicuro il Basket Bassano Orange 1 ha perso qualcosa in chili, ma ha guadagnato in atletismo, soprattutto con Guisse sotto canestro. “L’idea per quest’anno è proporre un gioco diverso rispetto la scorsa stagione, vogliamo correre di più e cercare più la transizione, mantenendo però la stessa tenuta difensiva. Una cosa che spero non cambi è l’aiuto del PalaAngarano, lo scorso anno è stato il nostro sesto uomo in campo ed in casa abbiamo sempre fatto bene. Spero che la gente continui a seguirci e a spingerci, per noi è fondamentale l’aiuto del nostro pubblico”.